ahmedbensaada.com

Il y a pire que de ne pas être informé: c’est penser l’être

  • Augmenter la taille
  • Taille par défaut
  • Diminuer la taille
Accueil "Printemps arabe" Libano 2005-2015: da una “rivoluzione colorata” a un’altra

Libano 2005-2015: da una “rivoluzione colorata” a un’altra

Envoyer Imprimer PDF

La Rivoluzione della Monnezza

 

Nel 2011, mentre piazza Tahrir era in piena effervescenza, Srdja Popovic venne interpellato sulle attività di formazione rivoluzionaria del centro CANVAS (Center for Applied Non Violent Action and Strategies) che egli dirige a Belgrado. Si affrettò a rispondere, non senza una piccola punta di orgoglio: “Noi lavoriamo con 37 paesi. Dopo la rivoluzione serba, abbiamo ottenuto cinque successi: in Georgia, in Ucraina, in Libano e alle Maldive”. Nella fretta dimenticò di menzionare il quinto paese, il Kirghizistan. Aggiunse però: “E adesso l’Egitto, la Tunisia, e la lista si va allungando. Non abbiamo alcuna idea del numero dei paesi in cui è stato utilizzato il pugno di Otpor, forse una dozzina…” (1) Si tratta di una dichiarazione significativa, dimostra l’evidente relazione esistente tra le rivoluzioni colorate dei diversi movimenti di contestazione che hanno toccato il Medio Oriente, fino alla cosiddetta “primavera” araba.

Documentario: The Revolution Business

(La dichiarazione di Srdja Popovic è a 4:20)

 

Le rivoluzioni colorate

Queste rivoluzioni, che devono la loro denominazione ai nomi con i quali esse sono state battezzate (rosa, arancione, tulipano, ecc) sono rivolte che hanno sovvertito certi paesi dell’est o ex Repubbliche sovietiche agli inizi del 21° secolo. E’ il caso della Serbia (2000), della Georgia (2003), dell’Ucraina (2004) e del Kirghizistan (2005).

Diversi i movimenti che le hanno guidate: “Otpor” (Resistenza) in Serbia, “Kmara” (E’ abbastanza!) in Georgia, “Pora” (E’ l’ora!) in Ucraina e “Kelkel” (Rinascita) in Kirghizistan. Il primo tra tutti, Otpor, è quello che ha provocato la caduta del regime serbo di Slobodan Milosevic. Dopo questo successo, Popovic (uno dei fondatori di Otpor) ha creato CANVAS, con l’aiuto di attivisti del movimento serbo. Come ha ammesso lo stesso Popovic, il Centro ha aiutato, consigliato e formato tutti gli altri movimenti successivi. CANVAS ha formato dissidenti in erba in tutto il mondo, soprattutto nel mondo arabo, alla pratica della resistenza individuale non violenta, ideologia teorizzata dal filosofo e politologo statunitense Gene Sharp, il cui saggio “From Dictatorship to Democracy” (Dalla Dittatura alla Democrazia) è stato il supporto ideologico di tutte le rivoluzioni colorate e della “primavera” araba (2).

 

Logo di CANVAS

 

Sia CANVAS che i vari movimenti dissidenti dei paesi dell’est o delle ex Repubbliche sovietiche hanno beneficiato dell’aiuto di numerose organizzazioni statunitensi di “esportazione” della democrazia, come l’USAID (United States Agency for International Development), la NED (National Endowment for Democracy), l’IRI (International Republican Institute), il NDI (National Democratic Institute for International Affairs), Freedom House e l’OSI (Open Society Institute). Queste organizzazioni vengono finanziate dal bilancio USA o da capitali privati statunitensi, Per esempio, la NED riceve stanziamenti votati dal Congresso e i fondi vengono gestiti da un Consiglio di amministrazione nel quale sono rappresentati il Partito Repubblicano, il Partito Democratico, la Camera di Commercio degli Stati Uniti e il sindacato USA American Federation of Labour-Congress of Industrial Organization (AFL-CIO), mentre l’OSI è legata alla Fondazione Soros, dal nome del fondatore, George Soros, il miliardario statunitense, illustre speculatore finanziario (3).
E’ dimostrato che queste stesse organizzazioni hanno aiutato, formato e messo in rete i cyber-dissidenti arabi, protagonisti della famosa “primavera” che ha sovvertito i loro paesi (4). Si rilevano peraltro le “impronte” di queste organizzazioni negli avvenimenti di Teheran (Rivoluzione verde, 2009) (5), dell’Euromaidan (Ucraina, 2013-2014) (6) e, più recentemente, a Hong Kong (Rivoluzione degli ombrelli, 2014) (7).

 

La rivoluzione del Cedro
Secondo qualcuno, il più grande successo di CANVAS nella regione MENA (Middle East and North Africa) è stato certamente il Libano (Rivoluzione del Cedro, 2005) e il fallimento peggiore l’Iran (8). Ciò che spiega perché Popovic abbia fieramente menzionato il Libano come un trofeo del suo carniere “rivoluzionario” e non abbia fiatato sull’Iran.
La Rivoluzione del Cedro è stata un preludio della “primavera” araba, e dunque il primo paese arabo a conoscere questa “stagione” è stato il Libano. Si trattò di una serie di manifestazioni ammirevolmente bene organizzate che, agli inizi del 2005, chiedevano – tra l’altro – il ritiro delle truppe siriane dopo l’assassinio, il 14 febbraio 2014, del Primo Ministro libanese dell’epoca, Rafiq Hariri.
Eppure Shamine Nawani spiega, in un circostanziato articolo sul tema, che questa “rivoluzione” era stata già pianificata, quasi un anno prima della morte di Hariri. La cellula decisionale comprendeva un nocciolo duro di attivisti formato da tre amici: Eli Khoury, un esperto di comunicazione e marketing che lavora per Quantum e Saatchi & Saatchi, Samir Kassir, un saggista che dirige il Movimento della sinistra democratica (MGD), fondato nel settembre 2004 e il giornalista Samir Frangieh (9).
Insieme ad essi, i nomi di altri attivisti che hanno svolto un ruolo importante: Nora Joumblatt (moglie del leader druso, Walid Joumblatt), Asma Andraous (del gruppo 05AMAM, fondato dopo il 14 febbraio 2005), Gebran Tueni (all’epoca direttore del giornale An-Nahar) e Michel Elefteriades (musicista, produttore e uomo d’affari greco-libanese).

 

Eli Khoury Samir Kassir Samir Frangieh

Nora Joumblatt Asma Andraous Michel Elefteriades


Gli stretti rapporti tra gli attivisti della Rivoluzione del Cedro e le organizzazioni statunitensi di promozione della democrazia sono stati spesso evocati.
Infatti il New York Post ha scritto (nel 2005) che, secondo fonti dei servizi di informazione USA, la CIA e altri organismi di intelligence europea hanno fornito denaro e sostegno logistico agli organizzatori delle manifestazioni anti-siriane per potenziare la pressione sul presidente siriano Bachar el-Assad e costringerlo a lasciare completamente il Libano. Secondo tali fonti, questo programma segreto era simile a quello messo in campo precedentemente dalla CIA per sostenere i movimenti “pro-democrazia” in Georgia e in Ucraina e che avevano anch’essi realizzato delle impressionanti manifestazioni pacifiche (10).
Alcuni attivisti, come Bassem Chit (morto nel 2014), hanno ammesso di essere stati contattati da Freedom House nell’ambito dei suoi progetti di “finanziamento di movimenti giovanili per contribuire al processo di democratizzazione”. Secondo Bassem Chit, Jeffrey Feltman, all’epoca ambasciatore USA, ha invitato molti dirigenti del movimento anti-siriano a pranzo, e ciò proprio durante la rivoluzione del Cedro. Afferma anche che l’ambasciata statunitense ha direttamente fomentato le manifestazioni anti-siriane (11).
Sharmine Narwani precisa, nell’articolo citato in precedenza, che Gebran Tueni era in contatto con Frances Abouzeid, direttrice di Freedom House ad Ammam (Giordania). E’ su suo consiglio che Tueni ha invitato i formatori di CANVAS a Beirut. E’ importante sottolineare che Freedom House è il più importante finanziatore del centro di formazione serbo.
I serbi di CANVAS hanno formato gli attivisti libanesi nei locali del giornale An-Nahar. Ivan Marovic, cofondatore di CANVAS, ha personalmente tenuto dei corsi di formazione alla resistenza non violenta.

Michel Elefteriades ha incontrato Marovic e i suoi colleghi ben prima del 14 marzo 2005: “Gebran Tueni mi telefonò per dirmi che doveva dare una mano a un gruppo di Serbi che venivano ad aiutarci. Questi avevano un’aria iper-professionale rispetto a quanto intendevano fare. Io vedevo la loro mano in tutto quello che succedeva. Erano degli specialisti delle rivoluzioni colorate”. E ha aggiunto: “Poi hanno cominciato a dirci che cosa bisognava fare e cosa no. Io li ho accompagnati a degli incontri con dei giornalisti – solo di media internazionali – coi quali si sono coordinati. Si conoscevano tutti molto bene (…). Ci hanno fornito una lista di slogan che dovevano essere trasmessi dalle televisioni occidentali. Ci hanno detto, a noi e ai giornalisti occidentali, dove collocare i nostri striscioni, quando sollevarli, e perfino quali dimensioni dovevano avere. Per esempio, chiedevano ai giornalisti di avvertirli delle fasce orarie in cui sarebbero passati, poi ci dicevano di regolare gli orologi e di brandire i cartelloni esattamente alle 15.05, l’ora nella quale i canali televisivi trasmettevano in diretta da Beirut. Era una sceneggiata assoluta” (12).

Ivan Marovic (Otpor)

 

Da parte sua, Asma Andraous afferma che “tutte le organizzazioni statunitensi per la democrazia stavano là. Hanno insegnato ai giovani come fare attività di mobilitazione, cosa fare coi militanti fermati, erano tutti molto entusiasti” (13).
Qualche attivista ha dichiarato di essersi tenuto alla larga o di avere mantenuto le distanze dalle organizzazioni statunitensi o filo-statunitensi di promozione della democrazia. E’ il caso di Michel Elefteriades, che si sarebbe rifiutato di continuare a collaborare coi formatori di CANVAS, o di Bassem Chit, che avrebbe declinato le generose offerte di Freedom House. Altri hanno tentato di minimizzare il ruolo svolto da queste organizzazioni o sostenuto che esse erano entrate in campo solo in un momento successivo (14).
Tuttavia il modus operandi della rivoluzione del Cedro segue minuziosamente il protocollo delle rivoluzioni colorate organizzate da CANVAS. Tra i 199 metodi di azione non violenta elencati nel manuale di CANVAS (distribuito gratuitamente attraverso internet) citiamo a titolo di esempio la numero 33: “La fraternizzazione col nemico”, che si realizza sul campo attraverso l’offerta di fiori alle forze dell’ordine (in generale da parte di giovani e belle ragazze) (15). Tale azione si è riscontrata in tutte le rivoluzioni colorate, nei paesi arabi “primaverizzati” come nelle piazze di Hong Kong, durante la rivoluzione “degli ombrelli” (16).

 

Una ragazza offre fiori alle forze dell'ordine libanesi (febbraio 2005)


Serbia (2000) Ucraina (2004)

Tunisia (2011) Egytto (2011)

Fiori offerti alle forze dell'ordine, secondo il metodo di azione non violento n. 33 di CANVAS

 

D’altronde Aleksandar Maric, l’ex attivista di Otpor e formatore di CANVAS, non ha forse dichiarato che la sua organizzazione aveva stabilito contatti con i dissidenti libanesi, prima della rivoluzione del Cedro (17)? Questa precisazione ha il merito di confermare quanto riferito da Sharmine Narwani a proposito della pianificazione della “rivoluzione” ben prima dell’assassinio di Hariri.
Tutti inoltre hanno modo di vedere che il “Movimento del 14 marzo”, coalizione delle forze che si opponevano alla Siria creata dopo l’uccisione del Primo Ministro libanese, ha scelto come logo il pugno di Otpor, leggermente modificato con l’aggiunta di un ramo verde.
Ricordiamo che il pugno di Otpor è stato ampiamente utilizzato in diverse rivoluzione colorate e nelle manifestazioni che hanno contrassegnato la “primavera” araba (18).

 

Logo del "Movimento del 14 marzo" libanese

 

Qualche esempio di uso del pugno chiuso di Otpor: Serbia (Otpor), Egitto (Movimento del 6 aprile), Georgia (Kmara)

 

Una curiosità riguarda il fatto che il nome “rivoluzione del Cedro” non è quello usato all’inizio dagli attivisti libanesi. Questi avevano scelto invece nomi come “intifada dell’indipendenza”, “intifada del Cedro”, “primavera del Libano” o “primavera del Cedro”.
Michel Elefteriades racconta che la parola “intifada”, che allude alle rivolte palestinesi, non piaceva agli specialisti di CANVAS: “Fin dal primo giorno, mi hanno detto che non dovevamo chiamare il nostro movimento ‘intifada del Cedro’, perché in Occidente la parola ‘intifada’ non gode di molta simpatia. Dicevano che l’opinione pubblica araba non è importante, che quella che conta è l’opinione pubblica occidentale. Allora hanno detto ai giornalisti di non usare la parola intifada” (19).
Infatti l’espressione “rivoluzione del Cedro” era più gradita alle orecchie dell’amministrazione Bush. Secondo il giornalista Jefferson Morley del Washington Post, il nome è stato inventato da Paula J. Dobriansky, la sotto segretaria di Stato alla democrazia e agli affari internazionali (2001-2009) durante le amministrazioni di Bush figlio. Esaltando la politica estera del presidente Bush, nel corso di una conferenza stampa tenuta il 28 febbraio 2005, ha dichiarato: “In Libano vediamo affermarsi una Rivoluzione del Cedro che unisce i cittadini di questa nazione nell’obiettivo di realizzare la vera democrazia e di liberarsi dall’influenza straniera.  Segni di speranza si manifestano in tutto il mondo e non dovrebbe esservi dubbio che i prossimi anni saranno importanti per la causa della libertà” (20).
Tale identità di vedute tra CANVAS e l’amministrazione USA dimostra (una volta di più) una evidente concertazione, tenuto anche conto che il centro di formazione serba è prevalentemente finanziato da organizzazioni statunitensi di “esportazione” della democrazia, soprattutto Freedom House, IRI e OSI (21).
Occorre ricordare che Paula J. Dobriansky è non solo componete del CA di Freedom House, ma anche titolare della cattedra di Sicurezza Nazionale all’US Naval Academy. E’ anche socio fondatore del think tank neoconservatore “Project for the New American Century” (PNAC) che ebbe una notevole influenza sull’amministrazione di Bush figlio. Il suo nome compare tra i 75 firmatari di una lettera inviata nell’agosto 2013 al presidente Obama, che raccomandava al presidente di attaccare la Siria di “Bachar”, invitandolo a “rispondere in maniera decisiva e ad imporre misure che avessero delle conseguenze significative sul regime di Assad” (22).
Si ritrova il nome di Eli Khouri nella lista degli invitati ad una conferenza internazionale su “Democrazia e sicurezza”, tenuta a Praga (Repubblica Ceca) dal 5 al 6 giugno 2007. Un incontro che ha visto insieme molte celebrità nel campo della dissidenza, dello spionaggio, della politica e dell’accademia. Citiamo a caso l’ex presidente ceco Vaclav Havel, l’ex Primo Ministro spagnolo José Maria Aznar, il senatore USA Joseph Lieberman, l’ex direttore di Freedom House, Peter Ackerman, l’ispiratrice della rivoluzione arancione ed ex primo ministro ucraino Yulia Tymoshenko o il neocon Joshua Muravchik, anch’egli membro del PNAC (23). Nel corso della conferenza, Khoury ha avuto anche occasione di intrattenersi con l’attivista egiziano Saad Eddin Ibrahim, col dissidente sovietico (attualmente israeliano), anticomunista e sionista, Natan Sharansky e con l’oppositore russo Garri Kasparov.

Paula J. Dobriansky Joshua Muravchik

 

Saad Eddin Ibrahim è il fondatore del “Ibn Khaldoun Center for Development Studies”, una ONG molto generosamente sovvenzionata dalla NED. Premiato da Freedom House, questo ex professore dell’università statunitense del Cairo è stato già membro del consiglio consultivo del “Project on Middle East Democracy” (POMED), una organizzazione USA che lavora di concerto con Freedom House e che è finanziariamente sostenuta dalla NED (24).
Ma quel che colpisce in questa lista, è il gran numero di partecipanti di primo piano provenienti da Israele; tra essi, l’ambasciatore israeliano nella Repubblica Ceca, Arie Arazi, e il suo omologo ceco, Michael Zantovsky, il responsabile economico dell’ambasciata israeliana negli Stati Uniti, Ron Dermer, oltre a molti universitari israeliani.
E tuttavia il clou della conferenza si è avuto, indubbiamente, con la presenza del presidente G.W.Bush, che ha approfittato dell’occasione per fare un discorso sulla libertà, la democrazia e l’attivismo politico (25).

Discorso del presidente G.W.Bush (Czernin Palace, Praga, 5 giugno 2007)

 

La conferenza venne organizzata dalla “Prague Security Studies Institute” (PSSI) e lo “Adelson Institute for Strategic Studies” (25).
Finanziato, tra gli altri, dall’OSI, il PSSI conta tra i suoi consiglieri anche James Woolsey, ex direttore della CIA (ed ex presidente del CA di Freedom House), e Madeleine Albright, la 64° segretaria di Stato USA e, a tempo perso, presidente del CA di NDI (27).
Lo “Adelson Institute for Strategic Studies” è un istituto di ricerca creato con un generoso dono di “Adelson Family Foundation” (Miriam and Sheldon G. Adelson). Ha come finalità ”la valutazione delle sfide mondiali cui devono fare fronte Israele e l’Occidente” e lo studio delle questioni legate al progresso della democrazia e della libertà in Medio Oriente (28). Ricordiamo che Sheldon G. Adelson è un miliardario statunitense di origine ebrea e ucraina (come Natan Sharansky). Considerato uno dei più grandi mecenati dello Stato di Israele, egli finanzia, a colpi di milioni di dollari, viaggi di ebrei in Israele, con l’obiettivo di rafforzare i legami tra Israele e la diaspora (29). Infatti la principale mission della sua fondazione è quella di “rafforzare lo Stato di Israele e il popolo ebraico” (30). Secondo il giornalista Nathan Guttman, l’ideologia di Sheldon G. Andelson è un insieme di sostegno al Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, di simpatia per il movimento dei coloni e di ostilità verso l’Autorità Palestinese” (31).

 

Il miliardario sionista Sheldon G. Adelson e il suo "grande" amico Benjamin Netanyahu (Gerusalemme, 12 agosto 2007)

 

Come può essere accaduto che Eli Khouri si sia trovato in una conferenza così prestigiosa, cui erano presenti presidenti, primi ministri, ambasciatori, falchi neocon, illustri dissidenti e un gruppo esclusivo di dirigenti israeliani? Sarà stato un ringraziamento per il ruolo proattivo da lui svolto nella rivoluzione del Cedro?
Di fatto Eli Khouri non è uno sconosciuto per l’amministrazione statunitense. Il cablo Wikileaks “06Beirut1544_a” ci rivela che circa un anno prima di questa conferenza egli fu tra gli invitati ad un pranzo offerto dall’ambasciatore statunitense in occasione della visita di Kristen Silverberg, segretario di Stato aggiunto alle organizzazioni internazionali. Jeffrey Feitman indica Khouri come direttore generale di Saatchi & Saatchi (una compagnia pubblicitaria) e lo descrive come uno “stratega della pubblicità e un esperto creativo” che ha contribuito al “branding” della rivoluzione del Cedro (32). In realtà il ruolo di questa compagnia è stato tanto importante che qualcuno non esita a definire la rivoluzione del Cedro come la “rivoluzione Saatchi” (33) o anche, tenuto conto del ruolo avuto anche dalle organizzazioni statunitensi, di “rivoluzione patrocinata da USAID e da Saatchi & Saatchi” (34).
E non è tutto. Eli Khoury è cofondatore di “Lebanon Renaissance Foundation” (LRF), una ONG fondata nel 2007 a Washington, che si definisce “una organizzazione educativa indipendente, non governativa e non settaria, i cui fondatori sono stati coinvolti in ragione delle rispettive attività professionali nella promozione della pratica della non violenza e dell’attivismo democratico” (35). Si ritrovano in questa descrizione le espressioni care ai “profeti” delle rivoluzione colorate, Srdja Popovic e Gene Sharp.
Questa fondazione è una “organizzazione che riceve una parte sostanziale di mezzi da un governo (USA) o dal grande pubblico” (36). Dopo avere ricevuto sostanzialmente fondi governativi statunitensi, finanzia a sua volta diversi programmi o organizzazioni con sede in Libano. Citiamo a titolo di esempio il “Sustainable Democracy Center”, una ONG libanese che è finanziata anche da USAID e NED (2003 e 2005) (37) o l’ ONG MARCH che anch’essa riceve, direttamente o indirettamente, sovvenzioni provenienti da diverse organizzazioni statunitensi per la democrazia (NED, USAID, ecc). Maggiori dettagli saranno dati su queste due ONG libanesi nella sezione seguente.
Secondo quanto risulta dalla sua dichiarazione dei redditi 2013 (38), LRF ha finanziato il “Lebanese Advocacy and Legal Advice Center” (LALAC), una organizzazione di lotta contro la corruzione che riceve fondi anche dal “Center for International Private Enterprise” (CIPE) (39), uno dei quattro satelliti della NED (40). Bisogna sapere che il centro LALAC è una iniziativa del “Lebanese Transparency Association” (LTA), una ONG libanese fondata nel 1999 e che è sovvenzionata dal CIPE, dal NDI, dal MEPI e dall’OSI (41). Il MEPI (Middle East Partnership Initiative) è un programma che dipende direttamente dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti attraverso l’Ufficio per gli Affari del Medio Oriente (42).
Infine è importante ricordare che Samir Kassir e Gebran Tueni non hanno sfortunatamente avuto la possibilità di partecipare al pranzo offerto dall’ambasciatore Feltman, né alla conferenza internazionale su “Democrazia e Sicurezza”: sono stati assassinati, rispettivamente, il 2 giugno 2005 e il 12 dicembre 2005.

Beirut e la “Lega araba del Net”
Come nel caso dell’Ucraina dopo la rivoluzione arancione (43), le organizzazioni statunitensi di “esportazione” della democrazia non hanno lasciato il Libano dopo la rivoluzione del Cedro, al contrario. I rapporti della NED dimostrano che, tra il 2005 e il 2014, questa organizzazione ha distribuito più di 7 milioni di dollari alle ONG libanesi. Tra il 2005 e il 2012, solo la NDI ha ricevuto più di 2 milioni di dollari per finanziare le proprie attività in Libano.
La formazione e la messa in rete dei cyber-attivisti arabi ha portato alla creazione di quello che il giornalista francese Pierre Boisselet ha definito la “Lega araba del net” (44). Molte riunioni tra gli attivisti-blogger arabi sono state organizzate prima e dopo la “primavera araba”. I due primi “Arab Bloggers Meeting” si sono tenuti a Beirut. Il primo (dal 22 al 24 agosto 2008) ha riunito 29 blogger provenienti da 9 paesi arabi (Libano, Egitto, Tunisia, Marocco, Arabia Saudita, Bahrein, Palestina, Iraq e Siria (45). Nel secondo meeting, che si è svolto dall’8 al 12 dicembre 2009, il numero dei cyber-attivisti arabi ha superato 60 (46). Si sono incontrate le vedette arabe del net; i tunisini Sami Ben Gharbia, Slim Ammamou e Lina Ben Mhenni, gli egiziani Alaa Abdelfattah e Wael Abbas, il mauritano Nasser Weddady, il bariano Ali Abdulemam, il marocchino Hisham AlMiraat (alias Khribchi), il sudanese Amir Ahamad Nasr, la siriana Eazan Ghazzaoui, ecc (47)

 

Slim Amamou e Lina Ben Mhenni (3° Arab Bloggers Meeting, Tunisi 2011)

 

 

Razan Ghazzaoui, Alaa Abdelfattah e Ali Abdulemam (Budapest 2008)

 

 

Sami Ben Gharbia Alaa Abdelfattah Wael Abbas Nasser Weddady

Ali Abdulemam Hisham AlMiraat Amir Ahmad Nasr Razan Ghazzaoui

 

Per quanto i due meeting fossero stati organizzati dallo “Heinrich Boll Stiftung” (48), l’OSI di Soros ha co-finanziato il secondo (49). Da notare l’interessante partecipazione agli atelier di formazione, nella seconda edizione, del “noto” Jacob Appelbaum (2009), che ha trattato i temi dell’elusione, della sicurezza e dell’anonimato on line (50). Per i non esperti, Jacob Appelbaum è un “hacktivist” che rappresenta l’immagine pubblica dell’impresa statunitense che sviluppa TOR, un software che permette la navigazione anonima in internet e, in questo modo, aiuta ad eludere la sorveglianza e la censura degli Stati. Appelbaum viaggia per tutto l’anno per incontrare cyber-dissidenti di tutto il mondo ed insegnare loro come utilizzare gratuitamente il prodotto TOR. Per avere un’idea dell’utilizzazione del programma TOR, occorre sapere che è stato scaricato più di 36 milioni di volte solo nel 2010 (51).


Jacob Appelbaum (3° Arab Bloggers Meeting, Tunisi 2011)

 

La rivoluzione della “spazzatura”
La serie di manifestazioni che si sono svolte in Libano durante l’estate 2015 è stata chiamata da qualcuno “crisi dei rifiuti”, rivoluzione della “monnezza” o della “spazzatura” da altri. E’ nata a causa di un problema nella raccolta e nella gestione della spazzatura, ma le rivendicazioni dei manifestanti si sono rapidamente allargate e hanno preso di mira il governo, denunciando la corruzione e l’inerzia dello Stato.

 

Manifestanti del Movimento "Voi puzzate!" preparano cartelloni (Beirut, 29 agosto 2015)
Da notare che Ghandi è stato anche il "mentore" degli attivisti di Otpor e ispiratore di Gene Sharp

 

Il collettivo civico creato nel corso delle manifestazioni ha preso il nome di “Voi puzzate!” (Tal3at Rihatkom, in arabo). Nome breve e che colpisce, ricorda perfettamente il protocollo raccomandato da CANVAS. Si iscrive nella stessa linea di “Otpor” serba (Resistenza), ”Kmara” georgiana (E’ abbastanza!) o “Pora” ucraina (E’ ora!).
Tra i leader più mediatizzati di questo movimento di contestazione, ricordiamo Imad Bazzi, Marwan Maalouf, Assaad Thebian e Lucien Bourijeilly.

Imad Bazzi

 

Imad Bazzi è un cyber-attivista libanese molto noto nella blogsfera araba. Secondo il ricercatore Nicolas Dot-Pouillard, Bozzi è legato agli attivisti di Otpor e fu un fervente partigiano del ritiro siriano nel 2005 (52). Appartenendo anche lui alla “Lega araba del net”, riconosce di avere lavorato a stretto contatto coi cyber-dissidenti siriani. “E’ normale che qualcuno in Siria voglia aiutare qualcuno in Egitto, e che qualcuno in Tunisia voglia aiutare qualcun altro in Yemen”, ha dichiarato. “Noi abbiamo gli stessi problemi, tutti soffriamo per la corruzione, per l’assenza di regole certe, per l’assenza di democrazia” (53).
Bazzi ha preso parte a diverse conferenze sul cyber-attivismo. Nel corso di una di queste, ha conosciuto i cyber-attivisti egiziani del “Movimento del 6 aprile” che hanno giocato un ruolo innegabile nella caduta del presidente Mubarak (Bassem Samir, Israa Abdel Fattah…) e le cui attività sono state finanziate da diverse organizzazioni statunitensi di promozione della democrazia (54). Questa conferenza era co-sponsorizzata da Google e Freedom House (55).
Nel 2011, l’università statunitense di Beirut ha organizzato la 16° conferenza annuale dell’ “Arab-US Association of Communication Educators” (AUSACE) (56). In questa iniziativa finanziata dall’OSI di Soros, Imad Bazzi era abbinato a Sami Ben Gharbia nel medesimo gruppo. Ricordiamo che Sami Ben Gharbia, co-fondatore del sito Nawaat, è un cyber-attivista tunisino di primo piano, molto impegnato nella “primaverizzazione” della Tunisia” (57).
Ricordiamo che Imad Bazzi è anche stato “program fellow” di Freedom House (58) e direttore del progetto “Sustainable Democracy Center”, precedentemente citato (59).
Il 5 settembre 2011, solo qualche mese dopo la caduta di Mubarak, Bazzi venne arrestato dalla polizia egiziana all’aeroporto del Cairo. Ha dichiarato alla fondazione “Maharat” (una ONG libanese finanziata dalla NED che milita per i diritti dei giornalisti)(60) che si stava recando in Egitto in quanto aveva ricevuto un incarico di consulenza da parte di una istituzione. E’ stato trattenuto per più di dieci ore, ed è stato interrogato sui rapporti con i cyber attivisti egiziani come Wael Abbas, In seguito è stato espulso e rispedito a Beirut (61).
Per concludere il ritratto, segnaliamo che Bazzi è membro del forum “Fikra”, un forum creato dalla lobbie filo-israeliana. Tra i partecipanti si ritrovano parecchi cyber attivisti arabi, come Bassem Samir, Israa Abdel Fattah o Saad Eddin Ibrahim nonché i dissidenti siriani Radwan Ziadeh e Ausama Monajed (ex componente del Consiglio nazionale siriano – CNS). E’ inutile dire che tutti questi “interventori” sono finanziati dalle organizzazioni statunitensi di “esportazione” della democrazia (62). Vi sono anche dei falchi neocon come Joshua Muravchik (ex collega di Paula J. Dobriansky) e anche il dr. Josef Olmert, fratello dell’ex primo ministro israeliano Ehud Olmert (63).

 

1- Bassem Samir; 2- Sherif Mansour (Freedom House); 3- Saad Eddin Ibrahim; 4- Dalia Ziada (cyber-attivista egiziana, membro di Fikra); 5- Israa Abdel Fattah

 

Marwan Maalouf è una delle figure principali del movimento “Voi puzzate!”. Secondo diversi osservatori egli avrebbe anche partecipato, nel 2005, alle manifestazioni della rivoluzione del Cedro, come militante del movimento studentesco (64). In seguito la sua evoluzione è stata impregnata di militanza “made in Usa”. Giudicate voi.
Infatti dal 2008 al 2011 è stato direttore di programmi per Freedom House a Washington, addetto alla regione MENA, e particolarmente alla Siria, Tunisia e Algeria. Si è poi trasferito in Tunisia (dal 2012 al 2013) per dirigervi “l’Institute for War and Peace Reporting” (IWPR) (65). Questa istituzione, che “sostiene i reporter locali, i giornalisti cittadini e la società civile” e contribuisce “alla pace e al buon governo rafforzando le capacità dei media e della società civile a prendere la parola” (66) viene finanziato da diverse organizzazioni come la NED, l’USAID e il Dipartimento di Stato (attraverso l’ambasciata degli Stati Uniti a Tunisi e il programma MEPI) (67).

 

Marwan Maalouf, dopo essere stato disperso coi suoi seguaci, dopo avere tentato di
dare l'assalto alla sede del Ministero dell'Ambiente (Beirut, 1° settembre 2015)


Marwan Maalouf è cofondatore dell’istituto di ricerca “Menapolis”, specializzato nella governance e lo sviluppo nella regione MENA. Fra i suoi esperti figura il nome di Imad Bazzi e, tra i suoi clienti, si ritrovano (ovviamente) l’IWPR, Freedom Hoouse e la MEPI (68).
Secondo Martin Armstrong, giornalista britannico che lavora a Beirut, Assaad Thebian è il co-fondatore e il portavoce del movimento “Voi puzzate!”, oltre al principale organizzatore delle attuali manifestazioni (69).

 

Assaad Thebian (Beirut, 28 agosto 2015)


Il profilo “linkedin” di Assaad Thebian mostra che fa parte del gruppo (privato) degli “ex” del MEPI (capitolo del Libano) (70). Si legge, a proposito del gruppo: “MEPI, un programma del Dipartimento di Stato (USA), è attivo in tutta la regione. La rete degli ex comprende più di 128 persone che hanno partecipato a programmi della MEPI. La rete fornisce un ampio ventaglio di opportunità fornite agli ex studenti per continuare nel loro impegno per un rafforzamento della società civile libanese. MEPI si concentra su quattro ambiti distinti o ’pilastri’: la democrazia, l’educazione, l’economia e l’emancipazione delle donne. Il ramo libanese della rete degli ex comprende persone di varia provenienza che hanno comunque partecipato ad una serie di programmi nell’ambito dei quattro ambiti (…) Col lancio del ramo libanese della rete degli ex, le varie competenze che ciascuno ha acquisito possono essere utilizzate per permettere una partecipazione attiva continua in Libano” (71).
Il 29 gennaio 2014 l’associazione libanese degli ex del MEPI ha organizzato un evento a Beirut, in presenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Libano, David Hale. Si trattava, in occasione del 10° anniversario del MEPI, di “rendere onore ai risultati eccezionali” di dieci “ex” del ramo libanese. Evidentemente Assaad Thebian faceva parte del gruppo (72). In tale veste, appoggiato il trofeo al pulpito, ha preso la parola per lanciare qualche frecciata al governo libanese, mentre il sig. Hale applaudiva (73). Un preludio della rivoluzione “ della spazzatura”?

 

Assaad Thebian discorso alla 10 ° anniversario della MEPI

(The Royal Dbayeh, Beirut, 29 gennaio 2014)

 

Dal 2011 Thebian lavora come consulente nel campo dei media digitali e della comunicazione. Tra i suoi clienti figurano molte ONG, come la “Lebanese Association for Democracy of Elections” (LADE) e la “Civil Campaign for Electoral Reform” (CCER) (74). Una breve scorsa al sito del NDI permette di scoprire che questa organizzazione di “esportazione” della democrazia ha un partenariato di 17 anni con la LADE e lavora a stretto contatto con la CCER (75).
A differenza degli altri leader del movimento “Voi puzzate!”, Lucien Bourjeily è un uomo d’arte. Scrittore e regista è stato segnalato nel 2012 dalla CNN come una delle 8 personalità culturali più importanti in Libano. (76).
Nel 2013 sfidò il governo libanese con una pièce teatrale che criticava severamente la censura statale. La pièce intitolata « Bto2ta3 Aw Ma Bto2ta3 » (letteralmente “Tagli o non ti Tagli ?”) è stata censurata e questo le ha procurato una immensa pubblicità. Nel 2014 Bourjeily ha avuto altri problemi con le autorità libanesi per una storia di rinnovo del passaporto, incidente che ha agitato la blogsfera (77).

Lucien Bourjeilly dopo avere ottenuto il suo passaporto libanese (23 maggio 2014)

 

La pièce teatrale in questione è stata prodotta dalla ONG “MARCH” (citata più sopra in relazione ad Eli Khoury), la cui mission è di “educare, motivare e responsabilizzare i cittadini a riconoscere e a battersi per i loro diritti civili fondamentali, formare una società libanese aperta tollerante per favorire la diversità e l’uguaglianza e giungere ad una vera riconciliazione tra le diverse comunità”. Questa organizzazione viene finanziata congiuntamente dalla NED (78), dall’USAID, SKeyes Media e Maharat (79).
Il rapporto annuale 2014 della NED riferisce con chiarezza che obiettivo di MARCH è di “mettere su una produzione di « Bto2ta3 Aw Ma Bto2ta3 » e di documentare il lavoro svolto per ottenere l’approvazione di una pièce da parte della censura “(80) Missione compiuta: il divieto di rappresentazione della pièce è stato revocato il 25 settembre 2014 e la notizia è stata fortemente mediatizzata (81).
SKeyes è l’acronimo stilizzato di “Samir Kassir Eyes “ (Gli occhi di Samir Kassir, il leader della rivoluzione del Cedro). Il Centro è stato fondato a Beirut nel novembre 2007, dopo l’uccisione di Samir Kassir. Per quanto viene riferito nel suo sito, “il Centro intende essere un occhio vigile sulle violazioni della libertà di stampa e culturale; intende anche difendere i diritti dei giornalisti e degli intellettuali e la loro libertà di espressione” (82). Molti documenti dimostrano che SKeyes è finanziata dalla NED e dal NDI (83). D’altronde, prima di diventare direttore esecutivo di SKeyes nel 2011) Ayman Mhanna aveva lavorato per la NDI come direttore di programmi (2007-2011) (84).
Piccola precisazione: Lucien Bourjeily e Imad Bazzi sono entrambi componenti del consiglio consultivo di MARCH (85).
Gli attivisti di cui abbiamo parlato sono tra le figure più mediatizzate della rivoluzione della “spazzatura”, e la lista non si esaurisce qui. Ma il dissidente che rappresenta il trait d’union tra la rivoluzione del Cedro e quella della “spazzatura” è sicuramente Michel Elefteriades, una sorta di “anello mancante” del Libano rivoluzionario colorato. Dieci anni dopo, colui che fu in stretto contatto con gli specialisti della resistenza non violenta di CANVAS ritorna alla ribalta della contestazione popolare.
E utilizza il linguaggio apparentemente ingenuo del “profano” quando spiega la rivoluzione della “spazzatura”. “E’ una specie di rivoluzione popolare, un melange di molti movimenti – una dose di anarchia nel senso buono filosofico come l’insofferenza per ogni forma di centralizzazione del potere – è veramente un movimento popolare, quindi non penso che si fermerà”, ha dichiarato.
Per poi contraddirsi poco dopo: “Ci sono degli intellettuali e dei leader di opinione che monitorano (le proteste). Noi stiamo lì a verificare che non si prendano derive né che si intrometta qualche intruso per cercare di deviare le manifestazioni in altre direzioni”. (86).
Sull’onda della rivoluzione della “spazzatura”, Michel Elefteriades ha fondato “Harakat El Girfanine” (il movimento dei disgustati”) (87). Prova che non ha dimenticato le lezioni di CANVAS, Il logo di questo movimento, infatti, è appunto il pugno di Oktpor e il nome ricorda quello dei cyber dissidenti sudanesi “Grifna” (ci siamo disgustati) (88).

 

Michel Elefteriades d il suo "Movimento dei disgustati"

 

Video "promozionale del movimento dissidente sudanese "Girifna"

Si ispira visibilmente a quello realizzato, qualche anno prima, dagli attivisti serbi di Otpor

 

Benché le molteplici rivendicazioni del movimento “Voi puzzate!” esprimano una reale esasperazione del popolo libanese, bisogna ammettere che le inestricabili relazioni tra i leader della rivoluzione della “spazzatura” e le varie organizzazioni statunitensi di “esportazione” della democrazia non sono irrilevanti. Tali connivenze latenti sono il risultato di un lavoro di fondo che ha preceduto la rivoluzione del Cedro, che è proseguito fino ai giorni nostri e che proseguirà certamente in futuro. Come negli altri paesi arabi, la situazione sociopolitica del Libano è un terreno talmente fertile che un qualsiasi seme di contestazione può generare un caos indescrivibile. La “primavera” araba ne è la perfetta illustrazione.
Tanto più se si pensi che il Libano è un paese chiave nell’equazione mediorientale a cagione della sua vicinanza a Israele, le sue relazioni geopolitiche con l’esangue Siria e la presenza di un elemento di forte irritazione per gli Occidentali: Hezbollah.
E’ infine interessante fare un parallelo tra il Libano e l’Ucraina. Con un intervallo di circa dieci anni, entrambi i paesi sono stati teatro di due rivoluzioni “infiltrate”; le loro popolazioni non presentano uniformità nazionale (etnica, culturale o linguistica); sono geograficamente vicini a paesi di grande importanza politica per l’Occidente (Israele/Siria da un lato e Russia dall’altro) in modo da potere essere utilizzati come cavalli di Troia per raggiungere obiettivi geostrategici.
Le rivoluzioni arancione (2004) e del Cedro (2005) sono state tra i più grandi successi di CANVAS, Il coinvolgimento pianificato di violenti gruppi neonazisti durante l’Euromaidan (2013-2014) ha provocato drammatici sovvertimenti in Ucraina.
In Libano puzze “colorate” esalano dai mucchi di rifiuti che si ammassano nelle strade. E una questione si pone: che cosa partorirà la rivoluzione della “spazzatura”?

 

 

Riferimenti

  1. Journeyman Pictures, Documentaire « The Revolution Business », date de sortie : 27 mai 2011, Production ORF, Ref. : 5171, http://journeyman.tv/62012/short-films/the-revolution-business.html
  2. Ahmed Bensaada, « Arabesque américaine : Le rôle des États-Unis dans les révoltes de la rue arabe », Éditions Michel Brûlé, Montréal (2011), Éditions Synergie, Alger (2012).
  3. Ibid.
  4. Ibid.
  5. William J. Dobson, « The Dictator's Learning Curve: Inside the Global Battle for Democracy », Random House Canada Limited, Toronto, 2012.
  6. Ahmed Bensaada, « Ukraine : autopsie d’un coup d’état », Reporters, 10 mars 2014, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=257:ukraine-autopsie-dun-coup-detat&catid=48:orientoccident&Itemid=120
  7. Ahmed Bensaada, « Hong Kong : un virus sous le parapluie », Reporters, 14 octobre 2014, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=294:hong-kong-un-virus-sous-le-parapluie&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119
  8. Tina Rosenberg, « Revolution U », Foreign Policy, 16 février 2011, http://www.foreignpolicy.com/articles/2011/02/16/revolution_u
  9. Sharmine Narwani, « Ten years on, Lebanon's 'Cedar Revolution'», RT, 13 mars 2015, http://www.rt.com/op-edge/240365-lebanon-revolution-anniversary-cedar-2005/
  10. Niles Lathem, « Give Us Leb-erty! Protesters Slam Syria In Massive Beirut Rally», New York Post, 8 mars 2005, http://nypost.com/2005/03/08/give-us-leb-erty-protesters-slam-syria-in-massive-beirut-rally/
  11. Bassem Chit, « Lebanon: Some Things That Money Can't Buy », Socialist Review, n°306, mai 2006, http://socialistreview.org.uk/306/lebanon-some-things-money-cant-buy
  12. Voir référence 9
  13. Ibid.
  14. Rita Chemaly, « Le printemps 2005 au Liban : Entre mythes et réalités », L'Harmattan, Paris, janvier 2009.
  15. BBC News, « In Pictures : Beyrouth Protest », 28 février 2005, http://news.bbc.co.uk/2/hi/in_pictures/4304639.stm
  16. Voir référence 7
  17. Milos Krivokapic, « Les faiseurs de révolutions : entretien avec Aleksandar Maric », Politique internationale, n°106, hiver 2004-2005, http://www.politiqueinternationale.com/revue/read2.php?id_revue=20&id=77&content=texte&search=
  18. Voir référence 2
  19. Voir référence 9
  20. Ibid.
  21. Ahmed Bensaada, « Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes », Éditions Investig’Action, Bruxelles, 2015, chap.1
  22. Ahmed Bensaada, « Syrie : le dandy et les faucons », 15 septembre 2013, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=234:syrie-le-dandy-et-les-faucons&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119
  23. Democracy & Security International Conference, « List of participants », Prague 5-6 juin 2007, http://www.democracyandsecurity.org/doc/List_of_Participants.pdf
  24. Voir référence 21, chap. 4
  25. FORA TV, « George W. Bush on Democracy and Security », http://library.fora.tv/2007/06/05/George_W__Bush_on_Democracy_and_Security
  26. Democracy & Security International Conference, « Organizers », Prague 5-6 juin 2007, http://www.democracyandsecurity.org/organizers.htm
  27. Prague Security Studies Institute , « International Advisory Board », http://www.pssi.cz/pssi-boards/international-advisory-board
  28. Voir référence 26
  29. Ynet News, « Richest US Jew pledges USD 25 million to Taglit - birthright Israel », 2 juin 2007, http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-3361888,00.html
  30. Adelson Family Foundation, « Welcome », http://www.adelsonfoundation.org/AFF/index.html
  31. Nathan Guttman, « Sheldon Adelson Is a Philanthropist Like No Other », Forward, 3 novembre 2014, http://forward.com/news/israel/208220/sheldon-adelson-is-a-philanthropist-like-no-other/
  32. WikiLeaks, « Câble 06BEIRUT1544_a », https://www.wikileaks.org/plusd/cables/06BEIRUT1544_a.html
  33. Michael Emerson et Senem Aydın, « Democratisation in the European Neighbourhood », CEPS, Bruxelles, 2005, p. 3.
  34. Nabil Chehade, « Political Illustration : Lebanon and Beyond - Interview of Daniel Drennan », Design Altruism Project, 7 décembre 2011, http://design-altruism-project.org/2011/12/07/political-illustration-lebanon-and-beyond/
  35. Lebanon Renaissance Foundation, « Who We Are », http://www.lebanonrenaissance.org/whoweare
  36. Melissa Data, « Lebanon Renaissance Foundation », http://www.melissadata.com/lookups/np.asp?mp=p&ein=910190501
  37. SourceWatch, « Sustainable Democracy Center », http://www.sourcewatch.org/index.php/Sustainable_Democracy_Center
  38. ProRepublica, « Research Tax-Exempt Organizations - Lebanon Renaissance Foundation », https://projects.propublica.org/nonprofits/organizations/910190501
  39. Lebanon Renaissance Foundation, « Education », http://www.lebanonrenaissance.org/alteducation
  40. Voir référence 21, chapitre 2.
  41. The Libanese Transparency Association, « Annual Report 2008-2009 », http://transparency-lebanon.org/Modules/PressRoom/Reports/UploadFile/5719_31,07,YYannualreport.pdf
  42. Pour plus d’informations sur le MEPI, voir référence 21, chapitre 5.
  43. Voir référence 6
  44. Pierre Boisselet, « La “ligue arabe” du Net », Jeune Afrique, 15 mars 2011, http://www.jeuneafrique.com/192403/politique/la-ligue-arabe-du-net/
  45. Heinrich-Böll-Stiftung, « First Arab Bloggers Meeting 2008 », 22-24 août 2008, http://ps.boell.org/en/2013/11/05/first-arab-bloggers-meeting-2008-democracy
  46. Heinrich-Böll-Stiftung, « Second Arab Bloggers Meeting 2009 », 8-12 décembre 2009, http://lb.boell.org/en/2014/03/03/second-arab-bloggers-meeting-statehood-participation
  47. Pour voir les photos du « Second Arab Bloggers Meeting 2009 » : https://www.flickr.com/groups/1272165@N24/pool/with/4193262712/
  48. Pour connaitre la relation entre les « Stiftung » allemands et la NED, voir référence 21, chapitre 2.
  49. Heinrich-Böll-Stiftung, « Bloggers meeting report 2009 - Blogging out of Repression and Passivity, into Democracy and Change », 8-12 décembre 2009, https://lb.boell.org/sites/default/files/downloads/Bloggers_Meeting_Report_2009.pdf
  50. Global Voices Advocacy, « Interview with Jacob Appelbaum from TOR », 14 décembre 2009, https://advocacy.globalvoicesonline.org/2009/12/14/interview-with-jacob-appelbaum-from-tor/
  51. Pour une discussion plus approfondie sur TOR, voir référence 21, chapitre 3.
  52. Nicolas Dot-Pouillard, « Une « révolution des ordures » au Liban ? », ORIENT XXI, 2 septembre 2015, http://orientxxi.info/magazine/une-revolution-des-ordures-au-liban,1005
  53. Alia Ibrahim, « Arab cyberactivists rapidly gain traction as crises continue », Al Arabiya News, 9 avril 2011, http://english.alarabiya.net/articles/2011/04/09/144862.html
  54. Pour une discussion plus approfondie sur les cyberactivistes égyptiens, voir référence 21, chapitre 4.
  55. IkhwanWeb, « Blogging Truth to Power in the Middle East », 3 mars 2010, http://www.ikhwanweb.com/article.php?id=23498
  56. AUSACE 2011, « Conference Program- Digital and Media Literacy: New Directions », 28-31 octobre 2011, https://docs.google.com/spreadsheet/pub?hl=en_US&hl=en_US&key=0AkRlm628pZ6ddG9QbDdzbHNxajY4aktkMmp1UWNwNVE&single=true&gid=3&range =A1%3AB250&output=html
  57. Mezri Haddad, « La face cachée de la révolution tunisienne », Éditions Apopsix, Paris, 2011.
  58. Fikra Forum, « Imad Bazzi », http://fikraforum.org/?page_id=1783&lang=en&cid=62
  59. LinkedIn, « Imad Bazzi – Anchor at Aljadeed FM », https://www.linkedin.com/pub/imad-bazzi/24/454/9b3
  60. NED, 2014 Annual Report « Lebanon », http://www.ned.org/region/middle-east-and-northern-africa/lebanon-2014/
  61. Maharat Foundation, « Lebanese blogger arrested in Egypt, deported to Beirut », 12 septembre 2011, http://www.ifex.org/lebanon/2011/09/12/bazi_denied_entry/
  62. Ahmed Bensaada, « Les activistes du « printemps » arabe et le lobby pro-israélien », Reporters, 26 septembre 2013, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=238:les-activistes-du-l-printemps-r-arabe-et-le-lobby-pro-israelien&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119
  63. Ibid.
  64. Scarlett Haddad, « Marwan Maalouf, la tête dans les nuages et les pieds sur terre », L’Orient le Jour, 4 septembre 2015, http://www.lorientlejour.com/article/942496/marwan-maalouf-la-tete-dans-les-nuages-et-les-pieds-sur-terre.html
  65. LinkedIn, « Marwan Maalouf – Human Right Lawyer », https://www.linkedin.com/pub/marwan-maalouf/1a/722/856
  66. IWPR, « What we do », https://iwpr.net/what-we-do
  67. IWPR, « Donors/Funders », https://iwpr.net/about-us/supporters
  68. Menapolis, « Clients », http://menapolis.net/clients.php
  69. Martin Armstrong, « Thousands rally in Beirut as trash piles up », Middle East Eye, 30 août 2015, http://www.middleeasteye.net/news/thousands-demonstrate-beirut-government-reforms-639890316
  70. LinkedIn, « Assaad Thebian - Marketing & Digital Media Consultant », https://www.linkedin.com/in/assaadthebian
  71. LinkedIn, « MEPI Alumni Lebanon Chapter », https://www.linkedin.com/groups?gid=3662444&goback=%2Enppvan_assaadthebian&trk=prof-groups-membership-logo
  72. Kesserwen, « MEPI LAA Newsletter », 30 janvier 2014, http://www.kesserwen.org/n/news.php?id=37804
  73. YouTube, « Assaad Thebian: MEPI LAA Annual Dinner Speech », 29 février 2014, https://www.youtube.com/watch?v=b2D2G_edbYk
  74. United Nations Alliance of Civilizations, « Digital Tools for Newsgathering and Reporting Across Cultures Training Participant Bios », Avril 2013, http://www.unaoc.org/wp-content/uploads/Digital-Tools-Training-Participant-Bios.pdf
  75. NDI, « Where We Work - Lebanon », https://www.ndi.org/lebanon
  76. Kesserwen, « 8 leading lights in Lebanese culture », 18 août 2012, http://www.kesserwen.org/n/news.php?id=22592
  77. Nour Braïdy, « l’acteur Lucien Bourjeily récupère son passeport et crie victoire », Asdaa’, 24 mai 2014, http://asdaa.eu/2013-10-30-12-58-41/18-2013-10-31-11-02-33/808-l-acteur-lucien-bourjeily-recupere-son-passeport-et-crie-victoire
  78. Voir référence 60
  79. MARCH, « Resources – Partners », http://www.marchlebanon.org/en/Resources-Partners
  80. Voir référence 60
  81. Facebook, « MARCH », 16 octobre 2014, https://www.facebook.com/marchlebanon/photos/a.397998033570929.77264.348852438485489/741637102540352/?type=1
  82. SKeyes, « Qui sommes-nous ? », http://www.skeyesmedia.org/fr/Who-We-Are
  83. Voir, par exemple : Frank Smyth, « Animated journalist survival guide looks ahead », Committee to Protect Journalists (CPJ), 22 août 2013, https://cpj.org/blog/2013/08/animated-journalist-survival-guide-looks-ahead.php
  84. LinkedIn, « Ayman Mhanna - Executive Director at Samir Kassir Foundation », https://www.linkedin.com/in/aymangmhanna
  85. MARCH, « Missions and Objectives », http://www.marchlebanon.org/en/About-Us
  86. Elsa Buchanan, « Lebanon You Stink protests: We are not Egypt, claims activist Michel Elefteriades », IBTimes, 25 août 2015, http://www.ibtimes.co.uk/lebanon-you-stink-protests-we-are-not-egypt-claims-activist-michel-elefteriades-1517010
  87. Al Joumhouria, « Michel Elefteriades est “dégoûté et descend se promener à la place des Martyrs” », 24 août 2015, http://www.aljoumhouria.com/news/index/255178
  88. Siavash Golzadeh, « Girifna – a part of Sudan’s non-violent history », Peace Monitor, 10 septembre 2013, http://peacemonitor.org/?p=836

 




Questo articolo è stato pubblicato
(in francese) dal :

Ottobre 2015 - pp. 50-58


e

3 ottobre 2015 - pp. 12-15

(Clicca sui loghi per leggere l'articolo)


Provenienza dell'articolo


 

 

 

 

 


Références

Journeyman Pictures, Documentaire « The Revolution Business », date de sortie : 27 mai 2011, Production ORF, Ref. : 5171, http://journeyman.tv/62012/short-films/the-revolution-business.html

Ahmed Bensaada, « Arabesque américaine : Le rôle des États-Unis dans les révoltes de la rue arabe », Éditions Michel Brûlé, Montréal (2011), Éditions Synergie, Alger (2012).

Ibid.

Ibid.

William J. Dobson, « The Dictator's Learning Curve: Inside the Global Battle for Democracy », Random House Canada Limited, Toronto, 2012.

Ahmed Bensaada, « Ukraine : autopsie d’un coup d’état », Reporters, 10 mars 2014, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=257:ukraine-autopsie-dun-coup-detat&catid=48:orientoccident&Itemid=120

Ahmed Bensaada, « Hong Kong : un virus sous le parapluie », Reporters, 14 octobre 2014, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=294:hong-kong-un-virus-sous-le-parapluie&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119

Tina Rosenberg, « Revolution U », Foreign Policy, 16 février 2011, http://www.foreignpolicy.com/articles/2011/02/16/revolution_u

Sharmine Narwani, « Ten years on, Lebanon's 'Cedar Revolution'», RT, 13 mars 2015, http://www.rt.com/op-edge/240365-lebanon-revolution-anniversary-cedar-2005/

Niles Lathem, « Give Us Leb-erty! Protesters Slam Syria In Massive Beirut Rally», New York Post, 8 mars 2005, http://nypost.com/2005/03/08/give-us-leb-erty-protesters-slam-syria-in-massive-beirut-rally/

Bassem Chit, « Lebanon: Some Things That Money Can't Buy », Socialist Review, n°306, mai 2006, http://socialistreview.org.uk/306/lebanon-some-things-money-cant-buy

Voir référence 9

Ibid.

Rita Chemaly, « Le printemps 2005 au Liban : Entre mythes et réalités », L'Harmattan, Paris, janvier 2009.

BBC News, « In Pictures : Beyrouth Protest », 28 février 2005, http://news.bbc.co.uk/2/hi/in_pictures/4304639.stm

Voir référence 7

Milos Krivokapic, « Les faiseurs de révolutions : entretien avec Aleksandar Maric », Politique internationale, n°106, hiver 2004-2005, http://www.politiqueinternationale.com/revue/read2.php?id_revue=20&id=77&content=texte&search=

Voir référence 2

Voir référence 6

Voir référence 9

Ahmed Bensaada, « Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes », Éditions Investig’Action, Michel Brûlé. À paraître en septembre 2015.

Ibid.

Democracy & Security International Conference, « List of participants », Prague 5-6 juin 2007, http://www.democracyandsecurity.org/doc/List_of_Participants.pdf

Ahmed Bensaada, « Les activistes du « printemps » arabe et le lobby pro-israélien », Reporters, 26 septembre 2013, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=238:les-activistes-du-l-printemps-r-arabe-et-le-lobby-pro-israelien&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119

FORA TV, « George W. Bush on Democracy and Security », http://library.fora.tv/2007/06/05/George_W__Bush_on_Democracy_and_Security

Democracy & Security International Conference, « Organizers », Prague 5-6 juin 2007, http://www.democracyandsecurity.org/organizers.htm

Prague Security Studies Institute , « International Advisory Board », http://www.pssi.cz/pssi-boards/international-advisory-board

Voir référence 26

Ynet News, « Richest US Jew pledges USD 25 million to Taglit - birthright Israel », 2 juin 2007, http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-3361888,00.html

Adelson Family Foundation, « Welcome », http://www.adelsonfoundation.org/AFF/index.html

Nathan Guttman, « Sheldon Adelson Is a Philanthropist Like No Other », Forward, 3 novembre 2014, http://forward.com/news/israel/208220/sheldon-adelson-is-a-philanthropist-like-no-other/

Voir référence 6

Pierre Boisselet, « La “ligue arabe” du Net », Jeune Afrique, 15 mars 2011, http://www.jeuneafrique.com/192403/politique/la-ligue-arabe-du-net/

Heinrich-Böll-Stiftung, « First Arab Bloggers Meeting 2008 », 22-24 août 2008, http://ps.boell.org/en/2013/11/05/first-arab-bloggers-meeting-2008-democracy

Heinrich-Böll-Stiftung, « Second Arab Bloggers Meeting 2009 », 8-12 décembre 2009, http://lb.boell.org/en/2014/03/03/second-arab-bloggers-meeting-statehood-participation

Pour voir les photos du « Second Arab Bloggers Meeting 2009 » : https://www.flickr.com/groups/1272165@N24/pool/with/4193262712/

Pour connaitre la relation entre les « Stiftung » allemands et la NED, voir référence 21, chapitre 2.

Heinrich-Böll-Stiftung, « Bloggers meeting report 2009 - Blogging out of Repression and Passivity, into Democracy and Change », 8-12 décembre 2009, https://lb.boell.org/sites/default/files/downloads/Bloggers_Meeting_Report_2009.pdf

Global Voices Advocacy, « Interview with Jacob Appelbaum from TOR », 14 décembre 2009, https://advocacy.globalvoicesonline.org/2009/12/14/interview-with-jacob-appelbaum-from-tor/

Pour une discussion plus approfondie sur TOR, voir référence 21, chapitre 3.

Nicolas Dot-Pouillard, « Une « révolution des ordures » au Liban ? », ORIENT XXI, 2 septembre 2015, http://orientxxi.info/magazine/une-revolution-des-ordures-au-liban,1005

Alia Ibrahim, « Arab cyberactivists rapidly gain traction as crises continue », Al Arabiya News, 9 avril 2011, http://english.alarabiya.net/articles/2011/04/09/144862.html

Pour une discussion plus approfondie sur les cyberactivistes égyptiens, voir référence 21, chapitre 4.

IkhwanWeb, « Blogging Truth to Power in the Middle East », 3 mars 2010, http://www.ikhwanweb.com/article.php?id=23498

AUSACE 2011, « Conference Program- Digital and Media Literacy: New Directions », 28-31 octobre 2011, https://docs.google.com/spreadsheet/pub?hl=en_US&hl=en_US&key=0AkRlm628pZ6ddG9QbDdzbHNxajY4aktkMmp1UWNwNVE&single=true&gid=3&range=A1%3AB250&output=html

Mezri Haddad, « La face cachée de la révolution tunisienne », Éditions Apopsix, Paris, 2011.

SourceWatch, « Sustainable Democracy Center », http://www.sourcewatch.org/index.php/Sustainable_Democracy_Center

NED, 2014 Annual Report « Lebanon », http://www.ned.org/region/middle-east-and-northern-africa/lebanon-2014/

Maharat Foundation, « Lebanese blogger arrested in Egypt, deported to Beirut », 12 septembre 2011, http://www.ifex.org/lebanon/2011/09/12/bazi_denied_entry/

Ahmed Bensaada, « Les activistes du « printemps » arabe et le lobby pro-israélien », Reporters, 26 septembre 2013, http://www.ahmedbensaada.com/index.php?option=com_content&view=article&id=238:les-activistes-du-l-printemps-r-arabe-et-le-lobby-pro-israelien&catid=46:qprintemps-arabeq&Itemid=119

Ibid.

Scarlett Haddad, « Marwan Maalouf, la tête dans les nuages et les pieds sur terre », L’Orient le Jour, 4 septembre 2015, http://www.lorientlejour.com/article/942496/marwan-maalouf-la-tete-dans-les-nuages-et-les-pieds-sur-terre.html

LinkedIn, « Marwan Maalouf – Human Right Lawyer », https://www.linkedin.com/pub/marwan-maalouf/1a/722/856

IWPR, « What we do », https://iwpr.net/what-we-do

IWPR, « Donors/Funders », https://iwpr.net/about-us/supporters

Pour plus d’informations sur le MEPI, voir référence 21, chapitre 5.

Menapolis, « Clients », http://menapolis.net/clients.php

Martin Armstrong, « Thousands rally in Beirut as trash piles up », Middle East Eye, 30 août 2015, http://www.middleeasteye.net/news/thousands-demonstrate-beirut-government-reforms-639890316

LinkedIn, « Assaad Thebian - Marketing & Digital Media Consultant », https://www.linkedin.com/in/assaadthebian

LinkedIn, « MEPI Alumni Lebanon Chapter », https://www.linkedin.com/groups?gid=3662444&goback=%2Enppvan_assaadthebian&trk=prof-groups-membership-logo

Kesserwen, « MEPI LAA Newsletter », 30 janvier 2014, http://www.kesserwen.org/n/news.php?id=37804

YouTube, « Assaad Thebian: MEPI LAA Annual Dinner Speech », 29 février 2014, https://www.youtube.com/watch?v=b2D2G_edbYk

United Nations Alliance of Civilizations, « Digital Tools for Newsgathering and Reporting Across Cultures Training Participant Bios », Avril 2013, http://www.unaoc.org/wp-content/uploads/Digital-Tools-Training-Participant-Bios.pdf

NDI, « Where We Work - Lebanon », https://www.ndi.org/lebanon

Kesserwen, « 8 leading lights in Lebanese culture », 18 août 2012, http://www.kesserwen.org/n/news.php?id=22592

Nour Braïdy, « l’acteur Lucien Bourjeily récupère son passeport et crie victoire », Asdaa’, 24 mai 2014, http://asdaa.eu/2013-10-30-12-58-41/18-2013-10-31-11-02-33/808-l-acteur-lucien-bourjeily-recupere-son-passeport-et-crie-victoire

Voir référence 48

MARCH, « Resources – Partners », http://www.marchlebanon.org/en/Resources-Partners

Voir référence 48

Facebook, « MARCH », 16 octobre 2014, https://www.facebook.com/marchlebanon/photos/a.397998033570929.77264.348852438485489/741637102540352/?type=1

SKeyes, « Qui sommes-nous ? », http://www.skeyesmedia.org/fr/Who-We-Are

Voir, par exemple : Frank Smyth, « Animated journalist survival guide looks ahead », Committee to Protect Journalists (CPJ), 22 août 2013, https://cpj.org/blog/2013/08/animated-journalist-survival-guide-looks-ahead.php

LinkedIn, « Ayman Mhanna - Executive Director at Samir Kassir Foundation », https://www.linkedin.com/in/aymangmhanna

MARCH, « Missions and Objectives », http://www.marchlebanon.org/en/About-Us

Elsa Buchanan, « Lebanon You Stink protests: We are not Egypt, claims activist Michel Elefteriades », IBTimes, 25 août 2015, http://www.ibtimes.co.uk/lebanon-you-stink-protests-we-are-not-egypt-claims-activist-michel-elefteriades-1517010

Al Joumhouria, « Michel Elefteriades est “dégouté et descend se promener à la place des Martyrs” », 24 août 2015, http://www.aljoumhouria.com/news/index/255178

Siavash Golzadeh, « Girifna – a part of Sudan’s non-violent history », Peace Monitor, 10 septembre 2013, http://peacemonitor.org/?p=836

 


AddThis Social Bookmark Button